La logistica inbound e outbound: dall’integrazione all’efficienza

Logistica inbound e outbound: di cosa stiamo parlando? Nel primo caso (logistica inbound o upstream) si identificano tutti i processi di logistica che precedono il processo produttivo e che, dunque, riguardano le attività di approvvigionamento e stoccaggio dei materiali necessari alla produzione.

Quando parliamo di logistica outbound (o logistica downstream), di contro, stiamo parlando dei processi che entrano in gioco a produzione avvenuta e che riguardano, dunque, le attività di stoccaggio e di distribuzione dei prodotti finiti.

Al di là delle definizioni tecniche e nozionistiche di inbound e outbound, l’approccio a comparti stagni alle fasi del ciclo logistico sarebbe un errore strategico. La logistica aziendale deve essere intesa come un flusso continuo lungo il ciclo ordine-pagamento.

Ciò può avvenire all’armonizzazione dei processi gestibili attraverso avanzati sistemi ICT di logistica integrata che permettono il controllo e l’automazione di ciascuna fase del workflow.

Grazie alla logistica avanzata, l’azienda è in grado di pianificare strategie produttive e distributive valide per l’acquisizione di maggiore efficienza (riduzione dei tempi e degli sprechi) e, dunque, di vantaggio competitivo.

La logistica inbound e outbound diventano, nella logistica integrata, fasi operative di una pianificazione organica e orientata a massimizzare la produttività.

Pubblicato il 16 11 2012

Segui Bucap sui profili social

close

Per richiedere un preventivo all’area commerciale

(per invio CV vedi pagina “Lavora con noi” - per richiesta informazioni non commerciali vedi pagina “Contatti”)

* Acconsento al trattamento dei dati personali.
I dati inseriti saranno utilizzati nel pieno rispetto del Codice in materia di protezione dei dati personali (Dlgs. 196/03).
L'interessato può esercitare i diritti previsti dall'art. 7 del DLgs 196/03 inviando una e-mail a privacy@bucap.it.
Per visualizzare l'informativa consulta la pagina privacy.