Mentre le amministrazioni di PA e imprese private viaggiano verso la digitalizzazione completa della gestione documentale, esistono casi in cui i documenti cartacei rimangono un supporto necessario per la conservazione di informazioni. Per questo, molte realtà sono costrette a conservare grandi volumi di documenti cartacei. E qui sorge la questione dell’archiviazione fisica dei documenti.

Creare, gestire e mantenere un archivio cartaceo possono sembrare operazioni di normale amministrazione. In realtà, un archivio fisico richiede molte onerose attenzioni per il mantenimento della sicurezza degli operatori, dei dati e della struttura, e per la gestione di tutte le operazioni legate all’archiviazione fisica dei documenti.

Per questo, affidarsi a servizi in outsourcing per la creazione e la conservazione di archivi cartacei è una soluzione che permette di ottenere una certezza nella corretta gestione dei supporti (spesso altamente deperibili) ai quali è stato affidato il patrimonio informativo aziendale. Inoltre, libera l’azienda dall’onere di dover gestire una struttura (a norma di sicurezza) e il personale dedicato all’archiviazione fisica dei documenti.

Chi si affida ai servizi di archiviazione fisica dei documenti di Bucap, può contare su un know how archivistico, su strutture e strumenti che attestano Bucap quale leader di mercato nel settore della gestione documentale.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *