È uno dei termini più in voga del momento perché fa riferimento a uno degli aspetti strategici del document management. Il tema è quello della dematerializzazione e della conservazione digitale dei documenti cartacei, operata secondo le norme di legge. Spesso viene chiamata “archiviazione sostitutiva“, ma il termine corretto è “conservazione sostitutiva“.

Il termine “sostitutiva” associato al termine “conservazione” fa riferimento a un tipo di conservazione alternativa, digitale ed equiparata dalla legge, alla conservazione classica dei documenti cartacei che abbiano rilevanza legale, fiscale o probatoria in genere.

Nonostante il termine “archiviazione sostitutiva” sia ampiamente diffuso anche tra gli addetti ai lavori, l’archiviazione non è che una delle operazioni che possono intervenire nell’ambito di un processo di conservazione sostitutiva

Una volta comprese le differenze tre i due concetti e l’ambito di applicazione della conservazione sostitutiva, non ci resta che conoscere questo straordinario strumento strategico per le piccole e grandi imprese.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *