Nella prima parte della guida di Bucap per evitare i più grossolani errori nella conservazione documentale abbiamo visto cosa fare in caso di documenti ammuffiti, bagnati e come scegliere i locali in cui conservare libri e documenti cartacei.

Qui si continua a parlare di archivi o biblioteche infestate da insetti, di documenti particolarmente deperibili (come i fogli di giornale) o di documenti danneggiati.

 

Infestazione d’insetti

La prima cosa da fare è indagare la provenienza degli insetti, prelevarne qualche esemplare e rivolgersi a un esperto di disinfestazione, preferibilmente specializzato in disinfestazione di biblioteche e archivi.

 

Conservazione di quotidiani e periodici

Data la particolare composizione della carta per giornali e riviste, il processo di deterioramento di questi documenti è più rapido. Per procedere alla conservazione documentale di questa tipologia documentale sarà bene:

  • riporre i fogli o i ritagli in una cartellina plastificata contenente anche un foglio di carta trattata con sostanza alcalina;
  • tenere le raccolte in luogo fresco e asciutto.

 

Trattamento delle coperte in cuoio

Le sostanze frequentemente impiegate per la cura delle coperte dei documenti e dei libri rilegati in cuoio, al contrario di ciò che si potrebbe pensare, può intaccare la longevità del materiale. Il restauro va effettuato con materiali professionali e da mani esperte.

 

Uso del nastro adesivo per incollare fogli o altre parti

L’uso del classico scotch per fermare parti staccate da documenti rilegati è assolutamente da evitare. Il nastro adesivo commerciale, infatti, si degrada rapidamente e porta al degrado anche i materiali incollati. Lo stesso vale per gli elastici.

L’ideale, in attesa di un restauro professionale, è conservare il documento in buste da documenti in carta.

 

Questa mini-guida alla conservazione documentale cartacea non esaurisce le buone prassi per la salvaguardia di lungo periodo di libri e documenti.

Per conservare i documenti cartacei in modo professionale non esitate a rivolgervi a esperti del settore. Contattate i nostri specialisti.