La PA sta adeguando i propri processi alla diffusione della dematerializzazione e della digitalizzazione dei processi e delle informazioni. Sempre più importante diventa, dunque, la tematica della protezione dell’integrità dei dati raccolti nell’ambito della gestione documentale amministrativa. In poche parole: disaster recovery. Vale a dire: tutte quelle operazioni necessarie a scongiurare una perdita di dati o a correre ai ripari nel caso in cui ci si trovi dinnanzi al danno avvenuto.

Per questo, l’Ente nazionale per la Digitalizzazione nella PA (DigitPA) ha pubblicato le linee guida per il disaster recovery nella PA. Il documento servirà da bussola per tutti i responsabili della raccolta, conservazione e gestione dei documenti e dei dati digitali affinché ci si conformi agli standard di riferimento del settore.

Grazie a politiche di disaster recovery correttamente attuate, la Pubblica Amministrazione potrà garantire una continuità operativa senza ostacoli ed evitare dannose perdite di informazioni che, in una gestione documentale digitalizzata di cui la PA deve farsi carico, risulterebbero in un grave danno per tutta la cittadinanza.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *