Quello della biblioteca digitale è un tema che affascina i teorici e gli studiosi di molte discipline. Ma è anche un argomento che richiede schemi che facciano il punto sulle conquiste della teoria. Per questo, DELOS (Network of excellence on digital libraries) ha voluto proporre un modello di riferimento.

Il DELOS Digital Library Reference Model è una raccolta di concetti fondamentali, di assiomi e di relazioni tra principi che prescindono dalle tecnologie impiegate e dalle implementazioni pratiche. Ciò a cui punta il modello DELOS  è l’individuazione di un’architettura di concetti legati alla biblioteca digitale che diventi punto di riferimento dal quale partire per la realizzazione delle soluzioni concrete.

Esistono tre elementi fondamentali attorno ai quali ruota l’idea di biblioteca digitale e sono i seguenti:

Digital library – è un’organizzazione (eventualmente virtuale) che in modo organico ha come obiettivo la raccolta, la gestione e la conservazione di lungo termine di un ricco contenuto digitale, sotto ogni forma, per condividere il patrimonio acquisito con un’utenza secondo le policies definite;

Digital library system(DLS) – è un sistema software, basato su un’architettura ben definita, che fornisce tutte le funzionalità richieste da una specifica DL. Gli utenti interagiscono con la DL attraverso il corrispondente DLS;

Digital library management system (DLMS) –  è un sistema software che fornisce l’infrastruttura software adatta a:

– produrre e amministrare un DLS fornito di tutte le funzionalità considerate fondamentali per qualsiasi DL;

– incorporare funzionalità aggiuntive, più accurate, specializzate o avanzate.

Una volta analizzato il cuore del modello di biblioteca digitale secondo quanto individuato dal DELOS, andremo ad approfondire i concetti chiave della digital library.

Per scoprire di più sul mondo della biblioteca digitale, consigliamo il libro Conservazione digitale: il Manuale di Alessandro Sinibaldi e Paolo Bartolomeo Buongiorno.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *