1,

L’AgID mette a disposizione online il nuovo schema del manuale di conservazione

Con la chiusura della procedura di acquisizione dei documenti integrativi per l’accreditamento dei conservatori, l’Agenzia per l’Italia Digitale ha pubblicato online sul proprio sito anche il nuovo schema per la redazione del manuale di conservazione.

Lo schema indica, nel dettaglio, quale dev’essere la struttura del documento richiesto dalla norma, nonché i contenuti informativi secondo la disposizione dell’art. 8 del DPCM 3 dicembre 2013 in materia di sistema di conservazione. L’obiettivo del manuale di conservazione rimane quello di definire i ruoli e le interazioni con i soggetti esterni che concorrono alla conservazione sostitutiva dei documenti informatici rilevanti. L’obiettivo del nuovo schema è, invece, quello di offrire un valido e ufficiale supporto per la redazione del documento, garantendo la diffusione di uno standard qualitativo omogeneo.

Si ricorda che ogni modifica effettuata al Manuale di conservazione deve, di fatto, prevedere una versione nuova del manuale, che dovrà essere nuovamente sottoposto all’Agenzia dell’Italia Digitale. Il manuale stesso è sottoposto a conservazione sostitutiva.

Per visionare il nuovo schema per la redazione del manuale di conservazione reso disponibile online dall’AgID lo scorso 16 ottobre, si può visitare il sito ufficiale dell’Agenzia o scaricarlo qui: schema_manuale_conservazione_sostitutiva.