Dagli errori più banali che nessun bibliotecario o archivista (anche amatoriale) commetterebbe, agli sbagli più comuni commessi anche dai professionisti del settore: ecco sette consigli per la corretta conservazione documentale cartacea offerti dagli esperti di gestione documentale di Bucap.

Come scegliere il giusto luogo di conservazione

La scelta del luogo da adibire a biblioteca o archivio è fondamentale per garantire a libri e documenti una lunga vita.

Ecco qualche indicazione di base: il materiale cartaceo dovrà essere lontano da

  • fonti di calore e fumi;
  • luce solare diretta;
  • tubi d’acqua;
  • pareti esterne.

L’ambiente scelto dovrà essere al sicuro da temperature eccessive (caldo, freddo e umido) e dovrà assicurare un clima stabile.

 

Documenti bagnati, cosa fare?

La rapidità d’azione è fondamentale, soprattutto quando la condizione climatica tende al caldo-umido.

Interfogliare ciascun documento con carta assorbente (da sostituire spesso) o disporre i documenti a ventaglio, in posizione verticale sopra materiale assorbente, possibilmente all’aria aperta (dove le condizioni lo permettano) o in ambiente ventilato, deumidificato e a temperatura bassa.

Un fon potente può aiutare a rendere l’asciugatura più rapida.

Dopo l’essiccazione, per evitare la deformazione dei fogli, si dovrà procedere a porre i documenti sotto un peso.

Particolare attenzione si deve porre ai documenti (libri, riviste) con fogli di carta patinata: l’asciugatura potrebbe portare i fogli a incollarsi.

Qualora non si possa procedere all’essiccazione entro poche ore (48 ore in media), è consigliabile congelare i documenti.

 

Muffe e odore di muffa

L’odore di muffa è il primo sintomo della presenza di agenti biologici che possono portare alla diffusione di muffe.

Il materiale documentario da conservare va isolato immediatamente portandolo in ambente secco e ventilato per bloccare lo sviluppo delle muffe.

L’esposizione al sole può asciugare i fogli e interrompere l’azione delle muffe, ma potrebbe compromettere irrimediabilmente il documento.

Evitare di spolverare la lanugine che si forma sulle macchie della carta, per evitare di diffondere gli agenti biologici.

Se le muffe sono già diffuse e attive, si consiglia l’intervento di uno specialista.

 

Continuate a leggere i consigli di Bucap per la conservazione documentale di libri e documenti cartacei.