1

Nuove regole tecniche per la conservazione sostitutiva e standard OAIS

Le nuove regole tecniche per il protocollo informatico e la conservazione sostitutiva definiscono alcuni standard che pongono fine all’eccessiva discrezionalità su processi e formati di conservazione documentale sostitutiva. Le nuove norme, secondo quanto riportato dall’allegato 3 al DPCM del 3 dicembre 2013 pubblicato nella GU n° 59 del 12/03/2014, individuano alcuni standard coerenti con le regole tecniche e già ampiamente noti agli esperti di conservazione sostitutiva.

Tra questi standard citiamo il sistema di metadatazione Dublin Core e, soprattutto, il sistema informativo aperto per l’archiviazione OAIS (Open Archival Information System), che diventa il punto di riferimento della conservazione sostitutiva e della gestione degli archivi pubblici e privati.

Lo standard OAIS viene adottato dalle nuove regole tecniche per la conservazione sostitutiva non solo per uniformare l’approccio all’archiviazione di documenti rilevanti dal punto di vista dell’accesso pubblico o dal punto di vista fiscale. Il sistema OAIS, infatti, è stato progettato ad hoc dal CCSDS (Consultative Committee for Space Data System) per garantire una conservazione a lungo termine.

Per scoprire di più su questo standard sul quale s’incentrano le nuove regole tecniche per la conservazione sostitutiva, si consiglia la lettura del testo Conservazione digitale: il manuale di Alessandro Sinibaldi e Paolo Bartolomeo Buongiorno.