Perché passare all’archiviazione digitale delle fatture? In un periodo transitorio nel quale i documenti cartacei sono affiancati e pienamente comparati ai documenti nativi digitali, si pone un problema di omogeneità degli archivi. Problema che diviene obbligo normativo quando interviene la legge. È il caso delle fatture. Dopo l’importante apertura delle norme di recepimento della Direttiva 2010/45/UE e dopo quanto definito dal Dl salva-infrazioni, l’archiviazione digitale delle fatture, secondo quanto prescritto dai dettami della conservazione sostitutiva, è divenuta una necessità amministrativa per ottemperare agli obblighi di legge.

Accanto a ciò, l’archiviazione digitale delle fatture cartacee, così come la gestione dematerializzata di tutti i documenti, apporta vantaggi in termini di efficienza amministrativa e in termini di abbattimento dei costi legati al ciclo del workflow documentale.

Il servizio di conservazione sostitutiva proposto da Bucap può contare su un alto grado di professionalità e dotazioni tecniche all’avanguardia che garantiscono efficienza e affidabilità. Inoltre, Bucap può prendere in carico il ruolo di Responsabile della Conservazione Sostitutiva, sgravando l’azienda dagli obblighi legati alle sue funzioni. Un motivo in più per passare all’archiviazione digitale delle fatture.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *