Ad un anno dal restyling del sito, l’Archivio di Stato di Rimini è un vero e proprio canale aperto verso gli utenti/cittadini e un canale di comunicazione fra questi stessi e le istituzioni. I numerosi documenti digitalizzati, gli strumenti di consultazione, ricerca e l’estrema usabilità del sito dell’Archivio di Stato di Rimini, fanno di questo un eccellente opportunità di comunicazione.

Di recente stanno sempre più emergendo iniziative volte a promuovere questa tipologia di strumenti, come anche le biblioteche digitali, che come obiettivo hanno quello di conservare documenti e atti precedentemente digitalizzati e renderli fruibili a tutti.

A tal proposito l’Archivio di Stato di Rimini ha anche accolto la documentazione già conservata in precarie condizioni d’agibilità presso la biblioteca comunale Gambalunga.

Si legge testualmente:
Attualmente è possibile consultare in web 2673 pergamene…la possibilità di poter accedere a documento così preziosi quali le pergamene attraverso il web, sottolinea come, in questo modo, si persegua uno dei fondamenti degli Istituti di conservazione, vale a dire appunto, la conservazione del patrimonio documentario.”

L’Archivio di Stato di Rimini sposando in pieno la filosofia della trasmissione della conoscenza e della sua conservazione, propone anche eventi formativi per coinvolgere il pubblico e sensibilizzarlo verso una cultura della conservazione del patrimonio culturale italiano.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *