La firma digitale in formato PDF è il risultato di un accordo sottoscritto tra Adobe System Inc. e CNIPA (Centro Nazionale per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione). Con tale protocollo d’intesa del 2006 è stato introdotta, nel nostro ordinamento, la possibilità di utilizzare il formato di firma PDF.

Si tratta di uno standard riconosciuto dalla normativa poiché conforme ai requisiti tecnici e giuridici richiesti per l’apposizione di firme digitali. Questa operazione potrà avvenire grazie all’utilizzo dei kit di firma digitale forniti dal certificatore assieme a un software di elaborazione del formato PDF.

Una volta ottenuto il kit per la firma digitale e predisposto il documento secondo le specifiche dettate dalla legge, l’apposizione della firma digitale potrà essere effettuata attraverso i più diffusi software di lettura e scrittura, di proprietà od open source, di file in formato PDF.

In questo modo, tutte le eventuali e future modifiche effettuate sul documento saranno ben evidenti a garanzia dell’integrità e veridicità delle informazioni in esso contenute.

La sicurezza nel formato PDF è stata consolidata anche dalle certificazioni ISO 32000 ed ETSI TS 102778 ottenute nel 2009.

Leggi tutti gli approfondimenti sulla firma digitale.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *