1

Digitalizzare documenti = rispetto per l’ambiente

Digitalizzazione ed ecologia: quale rapporto?

In più articoli di approfondimento dedicati alla digitalizzazione dei documenti abbiamo spesso sottolineato l’importanza che tale processo riveste all’interno di un’azienda o della Pubblica Amministrazione, sia in termini di sicurezza, rintracciabilità e lunga vita dei documenti sia in termini di efficienza delle stesse strutture che, delegando ad un software la gestione dei documenti riescono, in tal modo, a veicolare le proprie risorse umane verso le aree aziendali reputate più strategiche.

In questo articolo di approfondimento esamineremo la digitalizzazione dei documenti dal punto di vista “ecologico”, ovvero dal punto di vista dell’ambiente.
E’ infatti quantomeno necessario sottolineare questo importante dato di fatto che talvolta si da per scontato: la digitalizzazione dei documenti fa bene all’ambiente, vediamo perché.

Digitalizzazione ed Ecologia: autorevoli punti di vista

Possiamo prendere spunto per introdurre la tematica da quel che emerge anche a carattere internazionale da diverse rilevanti Conferenze tenutesi di recente.
Come nel caso della conferenza “Internet Evolved“, tenutasi a Torino In questo contesto autorevoli personaggi hanno toccato diversi temi legati alla sostenibilità ambientale tra i quali anche quello legato alla digitalizzazione dei documenti, quindi della loro trasformazione da cartacei a digitali, in formato PDF.

La stessa nota conferenza sull’ambiente tenutati a Copenhagen ha lanciato un’importante iniziativa intitolata “‘Scartiamoci!”, al fine di attuare una sensibilizzazione in merito ai temi del risparmio energetico e dello sviluppo sostenibile.
Una simile attenzione, proveniente da più parti e a più livelli, deve far sicuramente riflettere.

A tal punto appare ancora più interessante l’indagine condotta dal CERIS-CNR, che, si legge testualmente nel comunicato stampa pubblicato sul sito del CNR e intitolato “Documento digitale per salvare sei milioni di alberi“: “…secondo le stime del CERIS-CNR, il risparmio potenziale dall’adozione del documento digitale, nei soli settori soggetti a normativa, oscilla tra le 168.000 e le 259.000 tonnellate di materiali cartacei, equivalente al 13-21% del consumo totale di carta negli uffici italiani…

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *