Le fatture passive possono essere considerate un onere di gestione o al contrario una risorsa d’informazioni e una fonte d’efficienza. La differenza tra le due accezioni può risiedere nel supporto sul quale tali fatture sono conservate: cartaceo o digitale. Ma quali sono i reali vantaggi della dematerializzazione delle fatture passive attraverso sistemi professionali di cattura dei dati e di conservazione sostitutiva?

Creare un archivio fornitori o uno scadenzario dei fornitori potrebbe essere un lavoro oneroso in termini di data entry e un’operazione non priva di rischi legati all’inevitabile errore umano; soprattutto quando questo lavoro viene affidato a personale non esperto e a procedure prive di controlli di qualità.

La dematerializzazione di questo tipo di documenti per la conservazione sostitutiva o la cattura automatica dei dati attraverso software evoluti e professionali garantiscono, in breve tempo, la popolazione di database gestionali pronti ad essere utilizzati per i più svariati fini legati al business e al rapporto con i fornitori.

In tal modo si abbatteranno i costi di cancelleria, le ore allocate nella registrazione, nella catalogazione, nella conservazione e nella ricerca delle fatture passive, nonché il rischio di perdita di documenti e informazioni fondamentali.

Per conoscere tutti i vantaggi della dematerializzazione e della conservazione sostitutiva delle fatture passive, contattate gli esperti di Bucap.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *