La Fondazione Pascoli ha aperto l’archivio di documenti al futuro. Verranno sottoposti alle procedure di digitalizzazione 60 mila carte grazie a un finanziamento di più di 166 mila Euro messo a disposizione della Fondazione dalla Soprintendenza archivistica della Toscana.

In vista delle celebrazioni del centenario della morte del poeta (1912-2012), i documenti appartenenti a Giovanni e Maria Pascoli verranno affidati al futuro e verranno diffusi online.

L’archivio, nello specifico, comprende 36 mila documenti del poeta che ricomprendono note, lettere e fotografie e 24 mila appartenenti a Maria Pascoli a disposizione di studiosi e appassionati.

Digitalizzazione dei documenti e celebrazioni – dichiara Giuseppe Nava, ordinario dell’Università di Siena – arrivano in un momento di riscoperta di Pascoli: recentemente in Germania e negli Stati Uniti sono state tradotte sue opere minori ed inoltre in Francia i suoi testi sono tra quelli richiesti per il dottorato universitario“.

L’imponente opera di digitalizzazione è una delle operazioni più imponenti finora effettuate su un archivio di documenti storici in Italia.

Approfondimenti:
https://www.bucap.it/archiviazione/digitalizzazione-documenti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *