Grazie allo schema Exif (Exchangable Images File Format) per l’inserimento dei metadati nelle immagini digitali, oggi siamo in grado di assegnare una ricca serie di proprietà che ci permettono di conservare e archiviare con grande sicurezza e praticità questo tipo di file.

Questo tipo di standard è supportato da molte device di acquisizione d’immagine, come fotocamere, smartphone e scanner, che sono in grado di valorizzare i metadati già nel momento dell’acquisizione.

Lo schema di metadati Exif prevede informazioni su:

  • Device di acquisizione (produttore, modello, software);
  • Caratteristiche del file (orientamento, compressione, risoluzione, color space, dimensioni dei pixel);
  • Informazioni sull’acquisizione (esposizione, focale, ecc..).

I file d’immagine digitale in grado d’inglobare i metadati Exif sono i file con formato JPEG e TIFF. Questo tipo di metadati, oltre a inglobare informazioni per file immagine compressi o meno, è altresì in grado di trasmettere informazioni su file audio nei formati generalmente legati agli output classici delle camere digitali (ad esempio i RIFF WAV).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *