Il Tribunale di Roma ha dato il via al processo più importante: il processo di dematerializazzione, presentato dai ministri Brunetta e Alfano lo scorso 17 Marzo. Sul proposito il Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’innovazione ha dichiarato: “Il programma di giustizia digitale è costato molto poco: qualche centinaia di migliaia di euro, non milioni. Le modifiche legislative necessarie sono state solo dei ritocchi, apportati per decreto, alla fine del 2009. Si tratta quindi di una soluzione facilmente esportabile ovunque. Non abbiamo fatto la rivoluzione, certo, ma forse qualcosa di più: abbiamo dimostrato che si può ottenere molto con poco, se solo si mettono in campo conoscenze, capacità e volontà”.

Queste le parole del Ministro sul proposito del processo di digitalizzazione di cui il Tribunale di Roma è stato oggetto.

Le azioni sono state molteplici:

  • La digitalizzazione e l’archiviazione sostitutiva online di tutti gli atti depositati presso la Cancelleria per le indagini preliminari e il riesame del Tribunale di Roma;
  • L’obbligo dell’utilizzo della PEC (posta elettronica certificata) per tutte le comunicazioni in entrata o in uscita tra il Tribunale di Roma e gli avvocati, stabilendo un altissimo grado di sicurezza nelle comunicazioni.
  • Il pagamento online dei diritti di copia, previsto nel breve termine;
  • Possibilità di scaricare dalla rete gli atti stessi;
  • Dematerializzazione degli scambi informativi.

Tutto questo ovviamente porterà vantaggi enormi nel lungo e nel breve termine: da una parte si accederà ad un risparmio rilevante sulla spesa pubblica in quanto, una volta allargata la dematerializzazione alla maggior parte dei tribunali italiani, saranno abbattuti i costi di cancelleria e stampa. Dall’altra i cicli burocratici e giudiziari subiranno un alleggerimento e una velocizzazione senza pari.

Approfondimento
Workflow e protocollo informatico documenti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *