Secondo le indicazioni del Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD), sono state redatte e rese pubbliche le linee guida relative al contrassegno generato elettronicamente, più noto come timbro digitale. Tale strumento è fondamentale per garantire la conformità del documento analogico prodotto in ambito amministrativo, rispetto a quello informatico. Un modo per evitare che i documenti nativi digitali perdano valenza una volta prodotti (in via residuale) su carta.

Le linee guida mirano a identificare lo scenario di potenziale impiego del timbro digitale, coerentemente con ciò che è stato individuato dal CAD e dalle regole tecniche successive per ciò che riguarda il documento amministrativo informatico e il protocollo informatico di gestione documentale nella PA.

Nelle linee guida stilate da DigitPA (Agenzia per l’Italia Digitale) si abbozzano anche le tecnologie e le prassi necessarie per l’adozione e la corretta gestione del timbro digitale, e si individuano i progetti pilota per definire i case study di riferimento.

L’obiettivo della pubblicazione delle linee guida è quello di condividere i principi e la bozza di regole tecniche con esperti del settore per individuare eventuali aree di miglioramento o integrazione.

Il documento sul timbro digitale o contrassegno elettronico è disponibile per il download sul sito www.digitpa.gov.it.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *