Dopo l’obbligo di fatturazione elettronica nei rapporti con la PA e la piena equiparazione normativa tra la cartacea e l’elettronica, ora si parla di anticipo fatture. Secondo quanto anticipato sulle norme che verranno incluse nei prossimi provvedimenti per lo sviluppo e con l’avvio dei lavori dell’Agenzia per l’Italia Digitale, si prevede a breve una norma che interesserà PMI e grandi aziende in tema di accesso al credito.

Secondo tale norma, infatti, a partire dal 2014, le aziende potranno accedere ai servizi di anticipo fatture da parte delle banche solo nel caso in cui tali fatture siano in formato elettronico.

Sulla base di tale vincolo, il legislatore fa leva sui fornitori per creare quel tanto auspicato circolo virtuoso di adozione bilaterale (fornitori-creditori) dello strumento della fatturazione elettronica, anello di una innovativa integrazione tra il ciclo ordine-pagamento e Financial Value Chain.
A latere dell’obbligo di fatturazione elettronica per l’accesso all’anticipo fattura, in tema di dematerializzazione, le nuove norme prevedono anche un’accelerazione per quanto riguarda le ricette elettroniche e la conservazione digitale delle cartelle cliniche e la digitalizzazione dei testi scolastici.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *