Billentis, società tedesca specializzata in e-invoicing, a febbraio 2012 ha commissionato uno studio sulla diffusione della fatturazione elettronica in Europa; tale studio ha messo in risalto i Paesi europei protagonisti nel settore.

Negli scambi di fatture nell’ambito B2B (da azienda ad azienda), B2G (da azienda a PA) e G2B (da PA ad azienda), con il 30% d’incidenza della fatturazione elettronica, guidano l’Irlanda, la Slovenia, la Danimarca, la Finlandia, la Slovenia e l’Estonia. Nell’ambito B2C (dall’azienda al consumatore), rimangono trainanti la Danimarca e l’Estonia, con l’aggiunta della Norvegia.

L’Italia, in quanto a diffusione di fatturazione elettronica, si posiziona nella media dell’Europa occidentale, con un’incidenza dell’e-invoicing sul volume generale di fatturazione che si aggira tra il 10 e il 30%. Il mercato europeo, in generale, ha visto un incremento sostanzioso dell’impiego della fatturazione elettronica dal 2008, anno nel quale si segnava un 5% di diffusione, al 2011, anno in cui si è arrivati al 12%.

La proiezione per i prossimi due anni prevede un incremento ulteriore di tre punti percentuali nel 2012, per arrivare a una diffusione media della fatturazione elettronica del 19%.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *