Chi emette fattura elettronica, nell’ambito della propria attività, può incontrare un partner che ha necessità di ottenere una fattura cartacea. Il questo caso, l’emittente non dovrà modificareil proprio sistema di fatturazione.

Basterà produrre una fattura elettronica solo lato emittente, fornendo al cliente il documento cartaceo. La fattura, dunque, risulterà elettronica solo per chi l’ha emessa, comportando con ciò la presenza di firma digitale e riferimento temporale.

In questo caso, la data di emissione del documento (non potendo fare riferimento a una trasmissione digitale) corrisponderà alla data di produzione della fattura.

Nella fattura elettronica end-to-end, vale a dire nel caso della gestione completamente digitale della fattura, la data di trasmissione verrà identificata con la data di trasmissione del documento al destinatario.

Definire con precisione la data di emissione di una fattura elettronica, anche nel caso in cui essa venga prodotta solo lato emittente, sarà fondamentale per la definizione di una tempistica per le operazioni di conservazione sostitutiva. Tale operazione dovrà avvenire entro 15 giorni dall’emissione della fattura elettronica.

Approfondimenti:
Fatturazione elettronica

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *