Mancano pochi mesi al primo appuntamento importante con la fatturazione elettronica: dal 6 giungo 2014 le Pubbliche amministrazioni centrali e i loro fornitori potranno continuare a collaborare solo tramite fatturazione elettronica. Ma pochi sanno che le scuole e le altre istituzioni di alta formazione sono considerate unità territoriali del Ministero dell’Istruzione e, come tali, rientranti tra le PA che dovranno adeguarsi al sistema di fatturazione elettronica.

Insieme alle scuole dovranno adeguarsi anche tutte le imprese che ad esse forniscono beni e servizi.

Il rischio che si arrivi impreparati in prossimità della scadenza è molto alto, così come il rischio che questa defaillance vada, ancora una volta, a introdurre un ostacolo sulla roadmap individuata dall’Agenda Digitale italiana.

Se, da una parte, le scuole e gli istituti d’alta formazione, come sottolinea Paolo Catti del Politecnico di Milano, potranno usufruire degli strumenti e delle soluzioni offerte alle PA, come il Sistema d’interscambio o il MEPA di Consip, non altrettanto potranno fare le aziende private che lavorano con queste realtà. Muoversi per tempo sarà per loro l’unico modo per non perdere un’importante fetta di business.

Il prossimo appuntamento non è lontano: dal 6 giungo 2014 la fatturazione elettronica sarà obbligatoria anche per le scuole e i loro fornitori.