Con l’entrata in vigore, il 6 giugno 2014, dell’obbligo di fatturazione elettronica verso la Pubblica amministrazione, le fatture XML sono entrate a far parte della quotidianità di molte imprese.

Ma cosa è e come generare una fattura XML?

Questo tipo di documento non è altro se non un file generato secondo uno schema XML che risponde ai requisiti individuati dalle regole tecniche per la fatturazione elettronica alla PA.

Gli esempi di schemi XML per la fattura elettronica sono stati pubblicati dal sito FatturaPA, il servizio offerto dallo Stato ai fornitori della Pubblica amministrazione per la validazione di fatture in formato XML sulla base dei requisiti definiti dalla norma.

Una volta prodotta la fattura elettronica a norma, l’inoltro alla Pubblica amministrazione può avvenire grazie al Sistema d’Interscambio.

Con l’entrata a regime della fatturazione elettronica verso le PA, la fattura in formato XML troverà ampia diffusione anche nelle transazioni tra privati. Le imprese, dunque, qualora non l’abbiano già fatto, dovranno prepararsi al più presto all’era della fattura elettronica e della conservazione digitale sostitutiva dei documenti.

Già oggi la Pubblica amministrazione non è l’unica realtà a richiedere la fatturazione in XML. Anche altri enti, come l’ENEL, chiedono ai loro fornitori questa tipologia di documento.

Per la gestione e l’archiviazione delle fatture XML e degli altri documenti digitali o digitalizzati, affidatevi alle soluzioni di Bucap: servizi e strumenti per il document management professionale.