Davvero innovativa l’iniziativa della Camera di Commercio di Udine dell’inserimento della firma digitale nella Cns, ovvero carta nazionale dei servizi.
Il servizio altamente innovativo oltre a ridurre notevolmente i costi alle imprese, determinerà anche un’importante semplificazione anche in concomitanza con le procedure ormai obbligatorie dal 1 aprile previste da Comunica Unica, per creare una nuova impresa o comunicare variazioni di imprese già esistenti.

Razionalizzazione delle risorse, maggiore utilizzo di tecnologie, maggiore velocità nelle procedure ed economicità delle stesse: queste sono le “parole magiche” prodotte da questa iniziativa nata per “favorire sburocratizzazione e semplificazione, richieste a gran voce dalle imprese e ormai imprescindibili“, così come ha affermato il presidente della Cciaa di Udine, Giovanni Da Pozzo.

La Camera di commercio di Udine, come molte altre Camere di commercio locali, è sempre più attenta all’aspetto della semplificazione e propone sempre più spesso un utilizzo sistematico della tecnologia e telematica con numerose iniziative di settore.

La firma digitale come strumento di innovazione e sicurezza e che in Italia trova la sua più recente disciplina nel DPCM Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 30 marzo 2009, viene apposta nei documenti informatici ottenuti dalla conservazione sostitutiva.
E’ proprio la firma digitale apposta in questi documenti digitalizzati a conferire agli stessi la medesima validità di quelli cartacei originali.

Leggi anche:
Approfondimenti sulla Digitalizzazione dei documenti
Approfondimenti sulla Firma digitale

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *