La Firma digitale tra “debole” e “forte”