Quando la procedura di sottoscrizione interessa una mole considerevole di documenti, l’apposizione della firma digitale può non essere un’operazione agevole. Infatti, per ogni documento digitale, sarebbe necessario lo sblocco della smart card attraverso la digitazione del PIN di sicurezza.

In tal caso, pero, la normativa vigente prevede l’impiego di procedure automatiche di sottoscrizione che si basano sull’ultilizzo di una coppia di chiavi diversificata. Attraverso una sola digitazione del PIN, tali procedure consentono la sottoscrizione di più documenti. In questi casi, l’applicazione dovrà anche permettere di generare tutte le informazioni relative al numero di documenti che verranno sottoscritti automaticamente e alla loro natura cosicché, in sede di verifica, si potrà agevolmente identificare il documento sottoscritto con tale procedura. 

Dispositivi di firma Hardware Security Module (HSM) sono particolarmente indicati, in quanto garantiscono un livello di sicurezza e di efficienza superiori rispetto alle smart card o ai token nell’apposizione della firma digitale a più documenti attraverso la procedura automatica.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *