Dopo aver scoperto quali sono gli strumenti utili per effettuare la verifica di firme digitali italiane in modo gratuito e secondo gli standard di sicurezza ufficialmente riconosciuti a livello istituzionale (leggete il nostro post Come verificare la firma digitale? Lo spiega Digit PA), andiamo a vedere qual è lo strumento utile alla verifica delle firme prodotte da certificatori esteri dell’area UE.

Per farlo, ancora una volta, ci avvaliamo del riferimento istituzionale di DigitPa che, sul proprio sito (www.digitpa.gov.it), mette a disposizione un’applicazione web open source. Lo sviluppo di tale applicazione è stato supportato dalla Commissione Europea e rientra nelle iniziative individuate dall’Agenda Digitale.

Grazie a tale nuovo strumento di ampia fruibilità per verificare le firme digitali estere, ci si avvicina all’obiettivo di diffondere l’uso della firma anche nei rapporti internazionali e di facilitare lo scambio e il riconoscimento diffuso dei documenti siglati con la firma digitale..

Il tool di verifica delle firme digitali estere si chiama Digital Signature Service (o DSS, in acronimo) e, per essere utilizzato, deve essere installato su un server web.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *