1

Firme digitali: la firma biometrica

Più futuristiche delle firme digitali, sono le firme autografe. Sembra una contraddizione in termini, ma non è così. Si tratta della firma biometrica ed è, in effetti, una siglatura effettuata a mano su dispositivi tablet.

La verifica di autenticità si baserà su parametri che possono essere assimilati ai criteri impiegati nell’ambito della verifica grafologica di una firma autografa: pressione, inclinazione della penna, movimento, numero delle volte che la penna viene sollevata dal foglio… Insomma, la firma biometrica segna il ritorno all’uomo dopo la valutazione dei limiti della firma digitale. Limiti che riguardano, in primis, la certezza dell’identificazione del firmatario.

A livello normativo, attualmente, la firma biometrica è affiancata alla firma digitale quale strumento per l’apposizione di una firma elettronica avanzata (così come da ultima modifica del CAD). La prospettiva, però, è quella di rendere indipendente questa tipologia di firma, fino a renderla equiparata alla firma digitale.

Ovviamente, la diffusione della firma biometrica è strettamente legata alla diffusione e all’impiego della strumentazione tecnica adeguata.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *