Il 28 luglio del 2010, con la Determinazione Commissariale n° 69 sono state identificati i nuovi standard tecnici per la conformità della firma digitale. Il termine entro il quale adeguare la firma è il 30 giugno 2011.

È, dunque, intercorso quasi un anno dalla pubblicazione delle nuove norme allo scadere dei termini, finestra temporale che ha voluto lasciare il giusto tempo agli utenti di firma digitale per adeguare gli applicativi relativi alla firma digitale alle nuove richieste di conformità.

Gli utenti che non lo abbiano già fatto, sono invitati a contattare il proprio certificatore in questi ultimi giorni che ci separano dalla scadenza del 30 giugno per richiedere l’aggiornamento della firma in loro possesso.

Il rischio è quello di ritrovarsi, oltre tale termine, a sottoscrivere documenti con una firma digitale invalidata.
Le innovazioni apportate dalla nuova classe di algoritmi per la crittografia SHA-256, più robusti dei precedenti, vanno nel senso di una firma ampiamente riconosciuta e utilizzabile sia in ambito nazionale che internazionale. L’adeguamento della firma digitale avviene, infatti, anche in vista della diffusione di uno standard europeo che ne consentirà il riconoscimento a norma in tutti i Paesi membri dell’Unione Europea.

Leggi tutti gli approfondimenti sulla firma digitale.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *