1

Il PKI e la coppia di chiavi asimmetriche nella firma digitale

La coppia di chiavi asimmetriche è lo strumento rilasciato da un Certificatore autorizzato, che svolge un ruolo di garanzia di autenticità dell’origine del documento firmato. Le chiavi sono, appunto, due: una privata, a conoscenza del solo titolare, e una pubblica, conoscibile da tutti. Quest’ultimo elemento fa, della firma digitale, un’Infrastruttura a Chiave Pubblica (Public Kei Infrastructure – PKI).

La coppia di chiavi si dicono “asimmetriche” in quanto il documento potrà essere cifrato sia con chiave pubblica che con quella privata, sortendo due effetti differenti:

  • Nel caso della cifratura con chiave privata, il documento potrà essere riaperto solo mediante la chiave pubblica che corrisponde a quella privata apposta;
  • Nel caso di cifratura con chiave pubblica, il documento sarà disponibile solo con l’apertura tramite la corrispondente chiave privata.

La procedura più diffusa prevede la siglatura del documento (firma) da parte dell’emittente tramite chiave privata e l’apertura (verifica della firma) da parte del destinatario tramite la corrispondente chiave pubblica.

Ovviamente, la coppia di chiavi asimmetriche potranno essere attribuite a un solo titolare e potranno essere impiegate solo per l’uso prescritto dalla legge.

Leggi gli altri approfondimenti sul tema firma digitale.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *