Scegliere di affidarsi a servizi di logistica in outsourcing è un’opzione che comporta importanti vantaggi strategici. Quando, però, questi vantaggi vengono sfruttati in regime di massima ottimizzazione? In poche parole: quand’è che la logistica in outsourcing conviene?

Per rispondere a tale quesito possono essere fornite alcune indicazioni generali che devono essere declinate alla complessità delle condizioni specifiche delle singole aziende.

Aziende in fase di startup
– in questo caso, la logistica in outsourcing permette un’immobilizzazione di capitale minima e la riduzione del rischio d’impresa, permettendo un rapido turnover e la flessibilità necessaria in fase di assestamento del business.

Attività logistica di breve periodo o di entità limitata – qualora un’azienda non abbia il magazzino al centro del core business o abbia esigenza di servizi di warehousing per un periodo limitato di tempo, la logistica in outsourcing è un elemento fondamentale che garantisce l’adattabilità a ogni esigenza. In questo caso, l’azienda non dovrà farsi carico di investimenti eccessivi per improntare un sistema di stoccaggio adeguato, che potrebbe divenire inutile nel lungo periodo.

Nei casi riconducibili alle due macro-casistiche sopra identificate, il ricorso a servizi di logistica in outsourcing risulterà la scelta necessaria e conveniente.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *