Quando un mercato nazionale impone alle PMI dei limiti invalicabili a causa della crisi, i passi da compiere sono due: innovare e ampliare geograficamente il mercato di riferimento. Per le PMI locali, i due aspetti sono strettamente connessi: non c’è internazionalizzazione senza innovazione. Ma, in questo caso, quando si parla di innovazione, non necessariamente si fa riferimento a grandi investimenti.

Con le tecnologie ICT di cui si dispone diffusamente, i passi da compiere per far guadagnare alla propria piccola o media impresa una dimensione internazionale sono pochi e semplici, ma richiedono accortezza e spirito imprenditoriale. L’idea d’impresa dovrà, infatti, essere fondata su principi validi e concorrenziali. Il rischio è quello di vedere il proprio brand naufragare nel mare magnum dell’offerta internazionale o globale.

Il passo successivo, nelle strategie di internazionalizzazione di una PMI, è farsi conoscere. In questo gioca un ruolo fondamentale il proprio sito internet e il proprio e-commerce. Deve essere pensato, progettato e realizzato secondo i principi e le tecniche più efficaci, in modo da essere ottimizzato per la fruizione e per comparire in una buona posizione tra i risultati dei motori di ricerca. Per questo è meglio affidarsi a professionisti del settore che, grazie alla loro esperienza, possono consigliare l’imprenditore nelle scelte da intraprendere.

In fatto di visibilità e di branding, gli investimenti in pubblicità online sono il volano del commercio. E, in ciò, nulla cambia tra locale e globale se non il target.

Ultimo punto: la logistica avanzata. Dal sistema dell’acquisizione degli ordini (integrato nell’e-commerce), al sistema di monitoraggio delle scorte, dalla gestione del magazzino, al recapito della merce, la logistica gioca un ruolo fondamentale nel successo dell’internazionalizzazione delle PMI.

Nel caso in cui tutto il processo che va dalla gestione della supply chain alla fatturazione elettronica fosse integrato e organico, all’imprenditore non resterebbe che preoccuparsi delle strategie di penetrazione dei mercati per garantire il buon esito della propria PMI avviata, in pochi passi, all’internazionalizzazione.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *