1

Lettore di microfilm o immagine digitalizzata?

Una volta trasformato un archivio cartaceo in archivio ottico grazie all’utilizzo del microfilm, si potrà godere di tutti i vantaggi offerti dalla microfilmatura in termini di spazio e di longevità dell’archivio. I microfilm hanno, però, una necessità: quella di essere ingranditi e resi fruibili. A tal fine esistono i lettori di microfilm, che possono essere desktop oppure portatili: grazie a questi strumenti è possibile visualizzare il microfilm o le microfiches ad un’altissima risoluzione.
Per garantire una fruibilità più agevole e diffusa (attraverso Internet, ad esempio), gli archivi conservati in microfilm possono essere digitalizzati, così da avere sia i documenti affidati a un archivio di lungo termine, sia un formato grafico digitale di grande praticità, di facile riproduzione e di diffusa fruibilità.

L’impiego di entrambi i sistemi di fruizione dei microfilm (tramite lettore o tramite file digitalizzato) sono ideali per situazioni nelle quali l’accesso alla documentazione cartacea possa mettere a rischio l’integrità dell’originale o nel caso in cui la consultazione del documento richieda una o più copie fedeli dell’originale cartaceo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *