1

Da microfilm a digitale e da digitale a microfilm

La creazione di un microfilm da un documento può essere solo il primo passaggio per la sedimentazione di un archivio di lungo termine completo e flessibile a ogni esigenza. Le immagini prodotte da un processo di microfilmatura possono, infatti, essere convertite in immagini digitali attraverso alcuni scanner professionali specifici per questa funzione.

I microfilm, apportando le qualità di risoluzione e fedeltà all’originale che li caratterizzano, potranno essere tradotti in formati Jpg, Tiff o Pdf, fotogramma per fotogramma. L’archivio in doppio formato avrà il valore aggiunto della rapidità di accesso alle informazioni (fornito dal formato digitale), mantenendo la longevità e la fedeltà delle riproduzioni microfilmate.

Nonostante il passaggio da microfilm a immagine digitale sia l’iter auspicabile, è possibile anche l’operazione inversa: la conversione da immagini digitali a microfilm. In questo caso, la qualità del fotogramma ricavato dall’immagine digitale non potrà far conto sulla fedeltà al documento originale (qualora esso non sia digitale nativo). Ma, in questo modo si potrà accedere a tutti i vantaggi di un Long Term Archive garantiti dalla longevità del microfilm quale supporto di archiviazione.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *