1

Le caratteristiche fondamentali di uno scanner per biblioteche

Per le biblioteche può essere utilizzato uno scanner commerciale? Probabilmente anche un hardware comune può svolgere le operazioni di base per essere ritenuto utile in una biblioteca. Esistono, però, alcune caratteristiche specifiche che trasformano uno strumento necessario in risorsa insostituibile e professionale, adatta a garantire la lunga durata dei libri e dei documenti conservati che si vogliono digitalizzare. Soprattutto quando si parla di libri antichi.

A partire dalla struttura, uno scanner per biblioteche deve prevedere un tipo d’acquisizione ottica che impatti il meno possibile sulle rilegature dei libri. Sotto questo aspetto gli scanner piani possono risultare un problema. La soluzione migliore è optare per uno scanner con ripresa dall’alto (a planetario). Elemento che incide anche sull’immediatezza e la rapidità d’utilizzo.

La flessibilità di formato è un’ulteriore punto di forza per uno scanner di una biblioteca. Non sempre, infatti, i documenti conservati rispondono ai formati standard dei libri. Una biblioteca potrebbe conservare anche giornali quotidiani, periodici e magazine che richiedono un dispositivo di acquisizione ottica in grado di gestire i grandi formati.

Infine uno scanner per le biblioteche, oltre ad essere di facile utilizzo, dovrebbe prevedere una molteplicità di possibilità di gestione delle immagini acquisite (condivisione, spedizione via mail, pubblicazione online etc.).

Tra i migliori scanner per biblioteche, gli esperti di Bucap consigliano gli scanner a planetario di Zeutschel. Scoprite di più su questi scanner o chiedeteci maggiori informazioni