L’introduzione del protocollo informatico nell’ambito della gestione documentale della Pubblica amministrazione ha rappresentato una vera e propria rivoluzione nel workflow e, dunque, nell’organizzazione interna della PA. Come motore di questo cambiamento epocale in favore dell’efficienza e del risparmio, è stata creata un’ossatura normativa di riferimento, che qui elenchiamo in ordine cronologico nei provvedimenti principali che riguardano il protocollo informatico:

1998 – DPR 20 ottobre n° 428 (Regolamento per la tenuta del protocollo amministrativo con procedura informatica): con tale norma si individuano i criteri e le modalità da adottare nella gestione dei documenti digitali;

1999 – Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri, 28 ottobre (Gestione informatica dei flussi documentali nelle PA);

2000 – DPCM 31 ottobre (Regole tecniche per il protocollo informatico): una prima definizione attuativa delle regole tecniche;

2000 – DPR 28 dicembre n° 445 (Testo unico in materia di documentazione amministrativa): qui vengono raccolte le norme finora adottate. Il testo abroga il DPR 428/98;

2001 – Circolare Aipa n° 28 (Standard di trasmissione, formato e definizioni dei tipi di informazioni minime scambiate tra le PA e associate ai documenti protocollati);

2002 – Direttiva del Ministro per le innovazioni e le tecnologie (Direttiva sulla trasparenza dell’azione amministrativa e gestione elettronica dei flussi documentali);

2003 – Decreto del Ministro per le innovazioni e le tecnologie (Linee guida per l’adozione del protocollo informatico e per il trattamento automatico dei procedimenti amministrativi): passo dopo passo, l’iter pratico per la realizzazione del protocollo informatico.

2003 – Direttiva del Ministro per l’innovazione e le tecnologie (Linee guida in pateria di digitalizzazione dell’amministrazione per l’anno 2004).

Il testo di riferimento, per quanto riguarda la normativa sulla gestione documentale e sul protocollo informatico (approfondisci il servizio di Bucap), rimane il Codice dell’amministrazione digitale e le successive integrazioni e modifiche.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *