Sono poche le realtà, anche tra gli archivi storici, che possono raccontare nel dettaglio e a 360° la storia, la cultura, la politica e la vita di ogni giorno di un Paese, di sicuro tra queste c’è un quotidiano nazionale. L’Archivio storico Corriere della Sera, per l’incredibile tesoro documentale che conserva, ha assunto proprio il ruolo di testimone della storia italiana, con una memoria in grado di andare indietro fino al 1876.

Non bisogna essere necessariamente ricercatori accademici, storici o sociologi per essere attratti dal patrimonio documentale messo a disposizione dall’Archivio storico Corriere della Sera. Grazie alla consultazione online (un archivio digitale che copre le pubblicazioni del quotidiano a partire dal 1992), ogni cittadino può godere di questa inestimabile ricchezza; valore che già nel 1976 gli fu riconosciuto dalla Soprintendenza Archivistica per la Lombardia dichiarandolo di notevole interesse storico.

Oggi la Fondazione Corriere della Sera gestisce un impressionante patrimonio documentale. Si pensi che il solo archivio del quotidiano conta 10mila fascicoli, 3mila volumi che raccolgono le pubblicazioni della testata e dei suoi supplementi, 100mila unità di materiali grafici e fotografici: oltre 800 metri lineari d’archivio.

Il sito istituzionale della Fondazione fornisce tutti i dettagli necessari per conoscere a fondo la storia e il patrimonio dell’Archivio storico Corriere della Sera.