D’istituzione relativamente recente (2008), l’Archivio Storico Enel ha, tra gli archivi storici nel nostro Paese, un compito ben preciso: quello di raccogliere e conservare le testimonianze documentali dell’industria dell’energia elettrica italiana.

Ma oltre alla storia industriale dell’Enel e la sua esperienza nel settore, l’archivio può raccontare anche la storia del progresso economico e sociale italiano, attraverso il processo di elettrificazione del Paese che partì all’inizio dell’Ottocento per arrivare agli anni ’60 del Novecento, e proseguire fino ai giorni nostri con le nuove sfide del mercato globale.

L’Archivio Storico Enel oggi raccoglie un patrimonio documentario appartenente alle oltre 1.270 società elettriche che, con la nazionalizzazione del 1962, entrarono a far parte dell’Ente Nazionale per l’Energia Elettrica.

La sede di Napoli può oggi vantare 13.000 metri lineari di documenti, libri, riviste di settore, filmati, documentari, reperti e 200mila fotografie e disegni tecnici, una raccolta frutto dell’accorpamento di otto precedenti  archivi territoriali.

Attraverso una serie d’iniziative di collaborazione con Università, scuole, enti locali, musei e associazioni, l’Archivio Storico Enel ha l’obiettivo di valorizzare e diffondere il proprio patrimonio. Oggi, il sito Enelikon (www.enelikon.it) mette a disposizione per la consultazione online, le schedature digitali del patrimonio archivistico dell’Enel.